011-502852 info@ailtorino.it

L’emergenza coronavirus ha stravolto le nostre vite e le nostre abitudini, ha messo in ginocchio gli ospedali e i centri ematologici, ma non ci ha fermati. L’attività di AIL Torino è continuata anche durante il lockdown, per non lasciare soli i malati e i loro famigliari nel momento di maggiore bisogno. Ma, inevitabilmente, con altre modalità, a tutela dei pazienti e dei volontari. Le porte di Casa AIL non si sono mai chiuse: a malincuore abbiamo potuto ospitare solo tre persone a fronte di decine di richieste, non possibili per il rispetto del distanziamento sociale. Abbiamo consegnato la spesa agli ospiti e continuato a seguirli “a distanza”, adottando ogni precauzione, senza far mai mancare il nostro sostegno e aiuto. Non si è mai interrotto il servizio di trasporto per e dagli ospedali, per chi ha continuato a seguire le terapie, con 85 servizi fra marzo e maggio. Ed è stata incrementata l’attività di supporto psicologico, con 180 colloqui a distanza.

La pandemia ha reso tutto un po’ più difficile e l’aiuto di ciascuno di voi è più che mai indispensabile in questa battaglia: ecco cosa puoi fare per aiutarci

( https://mycrowd.ail.it/campagna/iosonoarischio/ail-torino/ ).

 

Sul sito trovate anche: